Pubblicato in: Cinema, Recensioni, Senza categoria

Acide delusioni #1 – Spectre

Ultimo episodio della saga di 007 con Daniel Craig, nelle saghe da circa una settimana… E speriamo che ci rimanga ancora per poco. Sono andata al cinema venerdì sera e, dopo due giorni di riflessione, il mio pensiero è perfettamente in linea con la reazione a caldo: che film inutile.

E sembrano pensarlo tutti, non in sala, ma sullo schermo e dietro la macchina da presa. Anche gli sceneggiatori, soprattutto gli sceneggiatori. È chiaro il tentativo di chiudere la quadrilogia come se davvero fosse un pacchetto unico non solo per l’attore che interpreta Bond, eppure scricchiola tutto, dall’inizio alla fine, soprattutto perché nega quanto c’era di positivo in Skyfall, a mio avviso. C’era davvero bisogno di un altro Bond con Craig? Da spettatrice e appassionata dico di no: abbiamo cambiato M, abbiamo Moneypenny, Bond è rientrato in regolare servizio ed è finalmente un agente a tutti gli effetti… E papam, ricominciamo da capo, con Bond che non parla con l’agenzia perché vuole lavorare da solo, l’agenzia che lo tratta come un bambino stupido, e il messaggio che si vuole trasmettere è che Bond ha ragione e che i suoi modi rozzi e antiquati battono qualunque qualunque tipo di intelligence sofisticata.  Continua a leggere “Acide delusioni #1 – Spectre”

Pubblicato in: Cinema

Modelli femminili e Disney (e gente becera sui social)

Mi hanno linkato un post un po’ inquietante dell’ennesima associazione che si definisce femminista in maniera becera e imbarazzante, quando porta avanti soltanto il modello di misandria, perché l’uomo è brutto e cattivo e rovina la purezza e la perfezione del mondo delle donne. Tra l’altro per giustificare un film banale, noioso e con degli immensi buchi di trama come Maleficent. Parentesi, io mi considero femminista se si parla di raggiungere la vera parità tra i sessi, ma prendo ampia distanza da questi atteggiamenti discutibili – se si vuole essere gentili.

Sul serio, avrei trovato molto più femminista se Malefica avesse voluto il potere e la sconfitta dei mortali perché le andava di farlo e basta, che per una trovata banale come quella che è stata adottata, ossia il tradimento dell’amato.

E la cosa poi ha portato a Frozen, che un sacco di gente ha salutato come “la svolta Disney” nel rappresentare eroine che si parano il culo da sole e non hanno bisogno del principe azzurro per uscire dai guai. Pocahontas e Mulan stanno agitando la manina per richiamare l’attenzione da qualche mese, ma poco importa, perché l’ultimo classico è stato caricato di valori enormi per spiegare quanto fosse bello e speciale. Che ehi, se diceste “mi sono intrippata per le canzoni e il vestito figo di Elsa” sareste più credibili e nessuno vi giudicherebbe, ma pace.

Ci pensavo stamattina e proprio io non riesco a trovare veramente positive nessuna delle due protagoniste di questo film: da un lato Elsa, che avvinta dalle sue paure butta alle ortiche regno, famiglia e responsabilità per chiudersi egoisticamente nel suo castello di ghiaccio; dall’altro Anna, che molla il regno nelle mani del primo sconosciuto che passa per andare a cercare la sorella convinta di poter risolvere tutto con tarallucci e vino, certa che l’amore possa risolvere ogni problema con un’ingenuità fastidiosa. Oddio, vero che avere vicino l’amore dei propri cari aiuta, ma non è certo in maniera così becera che i problemi si risolvono: Anna si aggrappa in maniera così puerile all’idea di amore che è pronta a sposarsi totalmente a caso, cosa che le fanno notare sia la sorella che Christoff. Notate che Elsa viene citata spesso sui social perché smonta l’idea di amore a prima vista, ma l’uomo del ghiaccio non se lo fila nessuno, nonostante faccia la stessa identica obiezione.
Nel frattempo suggerirei al popolo di Arendelle un bel colpo di stato per trovare dei governanti un filo più assennati, ma pazienza.

Vorrei invece citare un film che secondo me non si è filata tanta gente, nonostante sia uscito in mezzo ai due classici con le principesse: Ralph Spaccatutto. A parte che temo che un sacco di bambine non lo abbiano visto perché parla di videogiochi, mondo ancora considerato spesso esclusivamente dei maschietti (mentre le femmine dovrebbero concentrarsi sui giochini stile Cats&Dogs o Magico mondo del vattelapesca stile Sims ma senza possibilità di far fare sesso ai personaggi), ma lì si nasconde la vera principessa di rottura della Disney. Così di rottura che dopo essersi fissata per un attimo il vestito d’ordinanza se ne libera dicendo di non riconoscersi nello stereotipo e tornando ai suoi vestiti sportivi: Vanellope Von Schweetz.

Vanellope è una principessa molto sui generis: è la sovrana di Sugar Rush, un videogioco zuccheroso come Candy Crush con le corse pazze di Crash Team Racing. Il suo ruolo regale tuttavia viene scoperto solo alla fine, quando il suo gioco viene resettato. Vanellope infatti si presenta come una ragazzina emarginata e scacciata dalla sua comunità in quanto “errore di programmazione”; la sua capacità di scombinarsi in codice, o “glitchare”, legata alla sua emotività, la rende diversa, e di conseguenza pericolosa. Le è impedito di correre e viene presa in giro e umiliata in ogni situazione, tanto che vive da sola in mezzo a una discarica. Tuttavia, Vanellope è molto più positiva e propositiva di Elsa: sfrutta al volo l’occasione di dimostrare quanto vale usando la medaglia di Ralph per iscriversi alla gara, stringe un patto con lui per riuscire a crearsi un go-kart degno di questo nome e s’impegna al massimo per dimostrare di non essere un errore, di avere un senso. Mentre Ralph si commisera, lei rimane ostinatamente ironica e ottimista, e pure essendo terribilmente petulante non perde mai la speranza.

Quando finalmente il gioco viene messo a posto e si scopre la sua vera identità, Vanellope sfida la sua stessa programmazione sfilandosi il vestito canonico e continuando a usare il potere di glitch, che ha finalmente imparato a controllare, ma non rinuncia alle sue responsabilità: non si sente una principessa imposta dal programma del gioco, ma tuttavia si propone come leader agli altri personaggi, chiedendo la loro approvazione.

Vanellope si libera dal vestito improponibile glitchando

Non lo so, per me Vanellope, pur essendo molto fastidiosa, appare come personaggio assai più positivo di Elsa. Anche se hanno molti punti in comune, la piccola pilota rimane molto più solida e convinta di se stessa, e riesce a far cambiare anche Ralph con la sua solare determinazione; anzi, lei è stata davvero respinta ed emarginata per la sua diversità, e tuttavia non sfugge al suo dovere quando se ne presenta l’occasione, una volta che il gioco è stato sistemato.

Magari questo film sembra meno “da bimbe” perché non ci sono canzoni, o perché si parla di videogiochi, ma secondo me è un esempio molto più calzante di Frozen per positività della protagonista femminile. O se proprio non vogliamo contare questa tipetta petulante, mi sembra comunque più moderna Tiana, che sconfigge l’uomo ombra rompendo il suo incantesimo, si fa un mazzo notevole per raggiungere i propri sogni con le sue forze e riesce a insegnare a Naveen il valore del lavoro e dell’impegno. Non lo so, Elsa così impegnata nel suo dramma personale e Anna tanto ingenua proprio non mi convincono.
Voi che ne pensate?

Pubblicato in: Cinema, eventi

La desolazione di Smaug (o di Peter Jackson e soci) parte 1

È da domenica sera che penso a come poter dare la mia opinione sulla seconda parte dello Hobbit. È difficile, perché è un film che aspettavo con ansia, e che mi ha deluso profondamente. Sono andata piena di speranze, della serie “Avanti, fate vedere a tutti i pre-detrattori che si sbagliano, che avete fatto di nuovo centro!” (detesto quelli che si mettono in cattedra prima di leggere/vedere/provare qualcosa, ho un pregiudizio contro quelli che hanno dei pregiudizi a quanto pare). Sono andata anche con tredici pazze come me e penso che, tra le aracnofobiche, le sgranocchiatrici di popcorn e quelle sconvolte per ciò che vedevano (o un mix di più cose), ci siamo fatte odiare dal resto del cinema, anche perché eravamo in una saletta microscopica e si sentiva davvero tutto… Vabbeh. 😄

Metto l’avviso qui… SPOILER!!! Se non volete rovinarvi la visione…

Tanto per rimanere in tema.

Dunque, il film comincia più o meno dove avevamo lasciato la compagnia dei nani+Hobbit+stregone: in fuga dagli orchi. Il momento di speranza “uuuuuuh, laggiù (ma molto laggiù) si vede la Montagna!” è finito e si è ripreso a correre. E la corsa è la sensazione che predomina più o meno tutto il film: di corsa, bisogna arrivare alla Montagna prima del Dì di Durin… E prima che finiscano anche queste tre ore. Almeno, la sensazione che ne ho avuto io è stata un’accelerazione generale, anche nelle riprese, nei cambi di inquadrature… In tutto. Di corsa che non c’è tempo!

Così Beorn è stato sintetizzato in pochissimo tempo, almeno per la prima parte del suo ruolo nel libro, mentre Gandalf diventa anche più enigmatico e fumoso del solito. In pochissimo arriviamo sul limitare del Bosco Atro, vengono date le indicazioni a Thorin sulle funeste conseguenze che gli sarebbero capitate se avesse perso il sentiero (e affidiamo l’orientamento a lui? LUI, che si è perso nella Contea dove doveva trovare l’unica collina in mezzo alla valle e la casa che ci sta sotto? Vabbeh…), quindi prende e se ne va. Comprensibile, ha Galadriel in conferenza telepatica e un compito importantissimo da svolgere. Pensavate che accompagnare tredici nani e uno Hobbit nelle fauci di un drago fosse importantissimo? Eh, ci sono cose più pressanti.

Indovinate in quanti secondi Thorin perde il sentiero… Se avete detto più di dieci, bel tentativo, ma nope.

Povero Thorin… Proprio non ce la fa. Credo riuscirebbe a perdersi sul sentiero di mattoni gialli del Mago di Oz.

L’aria pesante e greve di Bosco Atro manda ancora di più in confusione i poveri nani, che cominciano a litigare. Ecco, qui mi spiace che sia stata tagliata la parte delle visioni, tipo Elfi immaginari che li attaccano, perché avrebbe collegato le diverse scene. Invece, mentre Bilbo si arrampica in cima agli alberi per capire dove si trovano, i nani vengono catturati dai ragni senza che combattano. Nessun rumore, solo tante ragnatele, semicitando Kili dal primo film. E ci lanciamo in una lunghissima scena di battaglia di Bilbo coi ragni giganti, scena che forse per amore di tutti i fan con la paura di aracnidi e affini si poteva un po’ limitare… Anche perché l’abbiamo già vista, con Samvise e Shelob. È vero che Lo Hobbit e LOTR ripropongono molte situazioni analoghe, eppure vedendo questo film in particolare mi sembrava troppo autoreferenziale…  Per dire, anche Bilbo che continua a tocchignare le ragnatele: ok, è un po’ Tuc anche lui, ma quanti non hanno pensato a Pipino e allo scheletro che ha fatto cadere nel pozzo a Moria? Perché io ci ho pensato TANTISSIMO.

Comunque, ragni a parte, gli elfi arrivano per davvero. Ossia, arrivano Legolas (con delle inquietantissime lenti a contatto azzurro ghiaccio) e Tauriel, più un numero n di elfi a caso che tanto non si vedranno né avranno un ruolo, quindi ignoriamoli pure. E comincia anche il circo elfico, perché nessuno degli elfi in azione farà più di tre passi “normali” di fila. Al che rimango un po’ perplessa: ok che Legolas si è sempre mosso in modo etereo, e che è “leggero” essendo un elfo, tanto che cammina sopra la neve appena caduta, ma in LOTR non fa tutte queste mosse da Assassin’s Creed. E sì che la saga principale temporalmente si svolge sessant’anni dopo allo Hobbit, ma il mio pensiero è stato il seguente:

Ah, non sono più agile come quando avevo 2931 anni!

La cosa che mi è piaciuta di più fin qui è la parte in cui Bilbo si accanisce contro un ragnetto un po’ sfigato per difendere il suo tesssssoro, a dimostrare come l’Anello già stia allungando il suo nero potere (caspita, è nero forte [cit.]). Per il resto, ignorando la scenetta Kili-Tauriel becera (ma di questo parleremo più avanti), gli elfi in malafede catturano i nani e li portano al cospetto di Re Thranduil. E qui accadono cose strane, tra le quali la faccia rifatta del re è quella meno inquietante.

1. Il gratuitissimo fanservice del colloquio da Re a Re, con Thranduil che, citando Jane Porter, non ha alcun rispetto dell’altrui fisicità e degli spazi personali. Anche qui, flash brillano nella mia mente e nope nope nope nope nope.

Nope nope nope nope nope nope nope nope nope nope

Thorin risolve più o meno come Leonidas in questo colloquio, ossia mandando a quel paese Re Thranduil (e si vanta pure della cosa con Balin, che, povero, scuote la testa ormai vicino all’esaurimento nervoso… esaurimento a cui si può imputare secondo me il suo desiderio di cacciarsi in un’altra miniera mortale dopo essere a fatica scampato a Erebor, ma C’È TEMPO per tutto ciò), il che allontana il flash inquietante da me, se non per piombare in qualcosa di ancora peggiore.

2. Il rapporto Legolas-Tauriel. E lo strano modo di impicciarsi di papà Thranduil, sintetizzabile in: “Oh ciccia, mio figlio ha una cotta per te. Guai se gli dai speranze a cui non potrai adempiere.”
Uscita infelice a cui segue un discorso surreale tra lui e Tauriel e che mette, a mio avviso, parecchio della caratterizzazione del personaggio in dubbio. Tauriel infatti è una pischella, per l’età degli elfi (Legolas come abbiamo detto dovrebbe avere 2931 anni ed è nella fase adolescente ribbbbelle, per capirci), eppure è a capo della Guardia reale di Bosco Atro. Legolas ci dice che il Re l’ha “favorita” e che quindi lei farebbe meglio a non sfidarlo, quindi ci viene da pensare, almeno a me, che Tauriel sia lì più per simpatia che per meriti effettivi, malgrado tutti i salti mortali inutili che riesce a fare in un combattimento. Però Thranduil la smerda subito ammettendo che non la reputa minimamente degna di sposare suo figlio. A che scopo, dunque, l’ha favorita? Temo un passato da triste orfanella in serbo per noi, per cui non approfondirò l’argomento. Forse per svelare il triangolo-no di questo film L’affermazione di papà Thrandy infatti ci viene subito confermata da Legolas e le strambe turbe di gelosia per un nano.
Il colloquio tra re e l’indegno elfo silvano inoltre dimostra un rapporto padre-figlio un po’ strano, o forse richiama un po’ troppo le scene in cui Elrond diffida Aragorn dal provarci con sua figlia… Solo che in questo caso capisco che Elrond parli “all’uomo” (non prendetemi per anti-femminista, ma parliamo di un mondo molto medievaleggiante e maschilista, per cui contestualizzato ci sta) e comunque poi si concentra sulla sua creatura per impedire un matrimonio a suo dire infausto… Preoccupato però dal fatto che Aragorn, per quanto longevo, è un essere mortale, e che Arwen rischia di vivere per l’eternità nel lutto e nel dolore. Capiamo questo padre. Non si capisce invece Thranduil, perché il senso è: “Oh tu, indegna plebea che IO ho innalzato a un rango superiore, non farla annusare troppo a mio figlio, che non vorrei si facesse idee sbagliate.” A meno che lui e Elrond pianificassero matrimoni in gran segreto tra i rispettivi rampolli… Mah.

Legolas, lascia stare che papà non è d’accordo

3. Di conseguenza, diffidata dal ronzare troppo intorno al principe, Tauriel si butta in discussioni stucchevoli con Kili, in gabbia sugli astri e la bellezza e le mamme… Kili mi sembra un po’ italiano mammone, ma sorvoliamo. Anche qui, scenetta abbastanza inutile di novelli amanti sfigati (che poi suvvia, non puoi essere educato per centinaia di anni a disprezzarti reciprocamente e poi cascare così dal pero. Qui non si parla solo di razze diverse con diverse speranze di vita e aspirazioni come per Aragorn e Arwen, si parla di razze che portano avanti una faida millenaria. Non si può!)

Fortunatamente arriva Bilbo, che è scampato alla cattura, e riesce a liberare in maniera rocambolesca i nani; per inciso, nani, prima si scappa e poi si festeggia. Funziona meglio in genere! La compagnia scappa giù per il fiume nei barili in maniera rocambolesca, inseguita prima dagli elfi e poi dagli orchi. La corrente è così forte che Thorin si confonde e salva la vita a Legolas – credo si sia fustigato poi per qualche ora – e la scena è luuuuuunga. I nani riescono a fuggire, anche se Kili è rimasto ferito, e i nostri due elfetti riescono a catturare un orco perché venga interrogato dal re.

Tra la compagnia e la Montagna rimangono un lago e il problema di attraversarlo, problema risolto prontamente da Bard, mentre gli elfi tornano alla reggia. Thranduil interroga il prigioniero col trucco più vecchio del mondo, “dimmi quello che sai e ti salverò la vita” (e Legolas ci casca pure… Ma COME, figliolo mio, COME!) e decide di estraniarsi una volta di più dai problemi della Terra di Mezzo, ordinando di serrare i cancelli di Bosco Atro. Legolas fa per eseguire l’ordine, ma scopre che Tauriel è scappata senza dire niente a nessuno per inseguire i nani, sconvolta alla notizia che la freccia che ha colpito Kili era in realtà avvelenata. La freccia viene definita morgul, ma è un po’ una minchiata. La lama morgul è quella con cui lo stregone di Angmar ferisce Frodo nella Compagnia dell’Anello, per capirci, ed è quella trovata da Radagast nel primo Hobbit. La freccia potrebbe essere semplicemente avvelenata e il dramma sarebbe lo stesso, ma non richiamerebbe così smaccatamente la situazione di LOTR (piccolo essere avvelenato viene salvato dalla grazia di un elfo femmina), ma ci arriveremo anche lì. Ad ogni modo, Legolas decide di inseguire Tauriel e i due prendono la via per Pontelagolungo. Molto astuto il capitano della guardia del re, il cui compito dovrebbe essere difendere la famiglia reale, a trascinare nel pericolo il principe che dovrebbe proteggere, neh? E non avete ancora visto niente.

Ma per oggi mi fermerei qui.